1  - LUA DE MONTI

L’euforbia (Euphorbia dendroides L.) è un piccolo arbusto a foglie caduche, della famiglia delle Euphorbiaceae, diffuso in tutta l’area mediterranea. Le proprietà del suo lattice urticante venivano un tempo utilizzate per la pesca nelle acque interne dell’isola: i pesci, intossicati, restavano storditi e quindi venivano agevolmente catturati. Si dice comunemente, di persone imbambolate o poco sveglie, “cumenti a unu pisci alluau” appunto.

Esiste un corrispondente sedativo che renda anche noi insensibili e meno attenti a quelle che sono le nostre reali necessità?

 

Disigia cussu ca no podis tenni,

bivi adoréndi e strocéndi is chi ddu tenint.

Piga meixina po abarrai prus scidu,

piga àtera meixina po ti torrai a dromìri.

Amostadì e acùdi a donnia logu, po arrepreni su tempus

de una vida chi siat sèmpiri prus sbuìda

amostadì e acùdi a donnia logu po arrepreni su tempus de sa vida tua.

Insuàu aintr’e die e insuàu a su noti,

e in s’interis ti prandis matziendi cauciù,

insuàu aintr’e die e insuàu a su noti…

"E it'ora est? Poniddu a su primu!"

Citi is pentzamentus… poniddu a su primu.

 

EUFORBIA

Desidera ciò che non puoi possedere, vivi idolatrando e imitando quelli che ce l’hanno. Prendi medicinali per stare sempre sveglio, prendine altri per riuscire a dormire!

Mostrati e partecipa a ogni evento per riempire il tempo di una vita sempre più vuota, mostrati e non perderti nessun evento per riempire il tempo della tua vita.

Eccitato di giorno, eccitato di notte, nel frattempo che ti sazi masticando cibo di gomma…

“Che ore sono? Metti al primo canale!”

Metti a tacere i pensieri!

 

2 - LIBERUS TZERACUS INTRA ISTADUS LIBERUS

II lavoro si fa beffe della libertà.

(Bob Black, The abolition of work, 1985)

 

Beni cun is gianùgus in terra, non ti depu nemancu circai,

pigadì custa faìna feti, fìntzas a ti spaciai.

Chi mi nàrat s'idea ti torru a nudda,

unus cantu de genti ti pònit in fatu:

unu bremi kentz'e fini e kentz'e conca

disìgiat de m'arregallai sa vida sua.

Ses amasedàu aici beni ca castias s'orrollogiu a totu die,

su chi fais candu creis de ti spassiai

est feti po torrai luègus ànca'e mei,

chi ti crepas: mortu oi e scarésciu cras,

bastit chi su trenu sigat a curriri,

e custa sociedadi strupiàda fait parti de custu progetu.

Apodèra strinta sa cadena, chi calincùnu disgratziau peus de tui

no est mortu po lòmpiri anca ses tui, sa gherra sia cuntras a issu, no a mei.

 

LIBERI SERVI IN (TRA) LIBERI STATI

Vieni a me in ginocchio, non devo neppure venirti a cercare; tieni questa semplice mansione, da ora finché sarai consumato. Se mi aggrada ti posso annientare, dietro di te c’è una moltitudine pronta a sostituirti: un infinito verme senza testa che desidera regalarmi la sua vita.

Sei addomesticato così bene che guardi in continuazione l’orologio; quello che fai quando credi di riposarti, lo fai solo per tornare presto da me con più energie. Se crepi: oggi morto e domani dimenticato, basti che il treno non si fermi, e questa società deformata fa parte del progetto!

Tieniti ben stretta la catena, se qualcuno più disgraziato di te non è morto nel tentativo di raggiungerti, che la guerra sia tra voi e non con me.

 

3 - MASCU

Non sapevano quasi nulla dello spirito di giustizia e dell’onore fisico, ma ne declamavano la lettera a voce alta. Ciascuno viveva nel terrore di essere scoperto; ciascuno, se ci riusciva, si costruiva le proprie difese fatte di spacconate, ipocrisie, stentorei proclami – il gran fiore virile della gentilezza, del coraggio e dell’onore marciva in un fetido garbuglio. In loro andava emergendo il grande clan degli intraprendenti: voci grosse, minacce violente, cuori pavidi. Ecco il vero “macho”.

(Thomas Wolfe, O Lost, 1929)

 

Vitziu de cumandai est malu de scotzinai,

ddu scis tui, ddu sciu deu, cantu tretu nc’est de fai.

Pesau po amostai a su mundu cun bantaxerìa unu corratzeddu de autoridàdi.

Cumenti de unu carrabùsu chi sìghit a tragài una làcana de dominiu;

non paris unu balente, ses feti unu molenti amaixinàu de abba ardente…

Chi dèpit binci sèmpiri e chi non sbàlliat mai

ma chi sighit una pistinaga chentz’e dd’aciapai.

Tandus amostasìa beni cantu ses forti e cantu ses frassu,

a poi giai ti nd’ast a acatai ca po ti nai òmini non bastat a essiri mascu.

Non ast a binci sèmpiri e t’ast a sballiài,

po ti nai òmini non ti bastat a essiri mascu.

Ses che unu molenti imbriagu de abba ardente

chi sighit una pistinaga chentz’e dd’aciapai.

Ti creis forti meda ma in custa merda de giogu tenis unu pei beni cracau in su tzugu.

 

MASCHIO

L’abitudine alla sopraffazione è un vizio difficile da sradicare, lo sappiamo entrambi quanta strada c’è da fare, soprattutto laddove si è cresciuti per mostrare con orgoglio al mondo il proprio piccolo recinto di autorità.

Come uno stercorario spingi, per portare in avanti il confine del dominio, non mi sembri un balente, ma solo una bestia da soma imbottita di acquavite; che deve vincere sempre e non sbaglia mai, ma che in realtà insegue sempre la stessa carota senza raggiungerla. E allora mostracelo quanto sei forte e quanto sei falso, poi ti renderai conto che per dirti uomo non ti basta essere maschio.

Credi di essere il più forte, ma in questo gioco di merda hai pure tu un piede ben calcato sul collo.

 

4 - DOMUSBOMBAS

Domusnovas è un comune di poco più di 6000 abitanti, situato in una delle zone più depresse d’Italia, il Sulcis-Iglesiente. Nel XIX secolo divenne un importante centro minerario ma già dagli anni ’50 del secolo scorso, a seguito della dismissione delle miniere dell’isola, subì un lento e inarrestabile declino. Oggi ospita la Rwm, fabbrica di bombe di proprietà della tedesca Rheinmetall defense, esportatore mondiale con fatturato in costante crescita.

Il ricatto occupazionale e morale oggi si esplica alla luce del sole, e non ci deve essere giustificazione per chi, dai rappresentanti delle istituzioni locali fino all’ultimo operaio interinale, sceglie consapevolmente di campare di guerra e morte.

 

Portàli serrau, cuatru girus de crai, ddu cumprendis ca no podis intrai?

Muntoni de dinai, non s’ant a chesciai, calincun’ateru at a cherpai. Su sànguni allenu ti fait disigiai, is istrìnas t’ant a fai; a s’incrasi, torra priogosu, ti nd’ast a scidai.

Apu aciapau traballu asséliu: po duas cidas!

Una rata de sa domu… fintzas a candu non at a tocai a sa mia. Groria siat a sa bomba, sa bomba calada aintru de nos, poni su cielu a sut’e terra e donasì sa luxi.

Chentza fueddu ni lingua ca totus da cumprendèus,

Grandu aìna de deus, portasì sa paxi.

Domusbombas!

 

DOMUSBOMBAS

Portone chiuso con quattro mandate di chiave, lo capisci che qui non puoi entrare?! Montagne di soldi in arrivo, nessuno si lamenterà, tanto a morire sarà qualcun altro.

Il sangue altrui ti rende bramoso, ti faranno la strenne, ma domani al risveglio, sarai lo stesso pidocchioso di prima.

“Ho trovato un lavoretto tranquillo e per due settimane sono a posto. Una rata della casa così è pagata… finché a crollare sotto le bombe non sarà proprio casa mia.”

Sia gloria alla bomba che è scesa tra noi, porta il cielo sotto la terra e illumina le nostre tenebre. Non ha lingua né parola, eppure la sua voce viene udita da tutti.

Grande strumento di Dio, concedici la pace.

 

5 - BURRUMBALLA

Hindu, Taoist, Mormon spill theirs just anywhere,

But God loves those who treat their semen with more care.
Every sperm is sacred, every sperm is great,

If a sperm is wasted God gets quite irate.

(Monty Python, The meaning of life, 1983)

 

Callonìmini in sa conca mia!

In d’una famillia benedixia mègant’e m’imparai

ca nc’est babbu chi cumandat e mama chi no mùscit,

feti in custa manera apu a cresciri sanu e bravu cristianu.

Fraulas a totu dia!

Est su chi s’arrepitit cussu porcu bistiu,

in sa televisioni, cun sa pobidda a sut’e is peis;

mancai de bravu babbus ndi ddu at cantu is preteddas

a spendi su stipendiu coberrendi pipieddas.

In sa potecaria ant imparau un arti noa, sorri: podint scioberai de ti cundennai e non ses prus meri de su corpus cosa tua:

nc’est cosa prus importanti de sa vida tua.

S’urtima novidai: unus cantu de pillonas strantaxas,

sordadeddus benedixus, concas sbuìdas e disìgiu

acorrau de di ora meda.

Movimento Per la Vita: bocceisì!

 

BURRUMBALLA (trad. ciarpame, cose o persone di poco conto)

Rincoglionimento mentale!

In ogni famiglia che sia benedetta, mi è stato insegnato che vi è un padre che detti le norme e una madre che approvi silenziosa, solo così potrò crescere come sano e buon cristiano.

Menzogne di continuo!

Sono ciò che ci ripete quel maiale calzato e vestito, che parla in televisione, con la moglie sottomessa che annuisce; nonostante di bravi padri ce ne siano tanti quanto le blatte, che spendono lo stipendio per comprare sesso con minorenni.

In farmacia hanno imparato un nuovo mestiere, sorella: possono scegliere di condannarti, e non sei più padrona esclusiva del tuo corpo: c’è qualcosa di più alto e importante della tua stessa vita.

L’ultima novità: un gruppo di cazzoni a leggere in piedi, soldatini benedetti, teste vuote e desiderio represso da tempo…

Movimento Per la Vita: uccidetevi!

 

6 - ARESTI

Questo testo, dedicato a Davide Delogu, anarchico sardo recluso nel carcere di Augusta (SR), è la rielaborazione di parte del componimento in ottava rima “Sa creazione de sa terra e de s’omine” di Salvatore Poddighe (1871 – 1938), poeta minatore antifascista morto suicida a causa delle persecuzioni del regime.

Il titolo è un omaggio ai friulani Inzirli.

 

Istitutziòni de lei e cimentu cumàndas in foras bocendi aìntru.

De s’esistentzia umana oh! Trista sorti! Mai no at sistema cambiàu,

ca oi puru, atterrat salvu errori, s’animali prus mannu a su minori.

Dae su fogu pro giustu decoru deu ddu salvu su simili miu;

ma is chi tzeriant ministrus de deus de ddu lassai abruxendi

tenint su coru… Nisciuna piedadi!

Ca creint sceti in deus de s’oru, isfruttadòres de su mundu intreu:

in pitzus a deus, anima e peccau ant su santu negotziu fundau!

Fàmini e scurìu, perda e ferru, ma su coru ca sartat e no càpit in piturras!

Nisciuna piedadi…

Biu m’intendu cun su pentzamentu de sattai su muru, e a palas su bentu!

Candu in foras donniunu si fàdiat po si cuncordai unu baullu ‘e miseria.

Nisciuna piedadi…

Su tempus t’afèrrat, scarrafiendudì, ma tui no t’arrendis, abarra sèmpiri aresti.

 

SELVATICO

Istituzione di legge e cemento, comandi su chi sta fuori uccidendo al tuo interno.

Dell’esistenza dell’uomo - oh! Triste sorte! - mai non è il sistema cambiato; ché anche oggi, salvo errore, l’animale più grande atterra il minore.

Dal fuoco, per giusto decoro, io lo salvo il mio simile, ma i cosiddetti ministri di Dio di lasciarlo bruciare hanno il cuore!

Nessuna pietà!

Ché credono solo nel Dio dell’oro, sfruttatori del mondo intero: che su Dio, anima e peccato hanno il santo commercio fondato.

Fame e oscurità, pietra e ferro, ma col cuore che scalpita e non si trattiene nel petto!

Mi mantengo vivo solo col pensiero fisso di scavalcare il muro e lasciarmi il vento alle spalle.

…mentre là fuori tutti si affaticano per costruirsi un bel baule di miseria.

Il tempo ti afferra, graffiandoti, ma tu non ti arrendi; resta sempre selvatico!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MENU

1 - UN PICCOLO GESTO

Non trovo niente di diverso, anche se guardo bene sai,

tutto è immutato tutto è lo stesso, inutilmente immobile

cercavo un semplice pretesto, una scintilla dentro te

qualche parola, un piccolo gesto,qualcosa di socievole

ma sbatto contro un muro e la tua testa è vuota

e la tua vita è vana,

ma sbatti contro un muro quella tua testa vuota.

Non trovo niente di diverso, anche se guardo bene sai,

tutto è immutato tutto è lo stesso,inutilmente immobile

ma sbatto contro un muro e la tua testa è vuota

e la tua vita è vana,

ma sbatti contro un muro quella tua testa vuota.

Non riesco a trovare in te qualcosa di interessante

qualcosa che valga la pena

non riesco a provare per te

qualcosa che non sia indifferenza e a volte un certo fastidio.

Non trovo niente di diverso, anche se guardo bene sai

tutto è immutato tutto è lo stesso, inutilmente immobile

Cercavo un semplice pretesto,

una scintilla dentro te,

qualche parola, un piccolo gesto,

qualcosa di socievole.

 

2 - DOTTORE

Libertà di amare, libertà di volere o di non volere

libertà di abortire, libertà contrastata dalla nuova santa inquisizione:

conferenza episcopale italiana, no, conferenza oscurantista italiana.

Un camice, due camici, tre camici,

una croce, due croci, tre croci

obiettori di coscienza, tutti obiettori di coscienza

l'interruzione della gravidanza è un diritto fondamentale

obiettori di coscienza, contraddittori di incoscienza

usurpatori di coscienza, promotori di incoscienza

l'interruzione della gravidanza è un diritto fondamentale

dottore…caga o scendi dal pitale.

l'interruzione della gravidanza è un diritto fondamentale

Libertà di amare, libertà di volere o di non volere

libertà di abortire, libertà contrastata dalla nuova santa inquisizione:

conferenza episcopale italiana, conferenza oscurantista italiana

l'interruzione della gravidanza è un diritto fondamentale

l'interruzione della gravidanza è un diritto fondamentale

dottore…caga o scendi dal pitale.

 

3 - COSA È SUCCESSO

Tutte le storie di successo sono solo bugie

le aspettative sono distrutte non riesco a farle mie

il tempo passa ho mille dubbi, troppi perché

non trovo un senso in tutto questo, forse non c'è, non c'è

adesso non riesco a ricordare, tutti i segni dicono di andare

cosa è successo? cosa succederà?

adesso non riesco a ricordare, tutti i segni dicono di andare

forse è successo? forse succederà?

cosa succederà?

Tutte le storie di successo sono solo bugie

le aspettative sono distrutte non riesco a farle mie, mie

adesso non riesco a ricordare, tutti i segni dicono di andare

cosa è successo? cosa succederà?

adesso non riesco a ricordare, tutti i segni dicono di andare

forse è successo? forse succederà?

cosa succederà?

adesso non riesco a ricordare, cosa è successo?

adesso non riesco a ricordare, cosa è successo?

adesso non riesco a ricordare, cosa è successo?

adesso non riesco a ricordare, cosa succederà?

 

4 - GENUFLETTERSI

Non credo al rabbi, non credo al papa

né all'imam o al dalai lama

non alla sura, non alla bibbia

o alla torah nemmeno al dharma

mai a mani giunte, mai verso la mecca

mai, mai, mai , mai, mai la kippah in testa

mai,  non mi appassiona il testo epico l'impianto

scenico non fa per me in fondo tutte le religioni

sono barriere sono prigioni

mai genuflettersi mai star li a pregare mai genuflettersi

mai. Testa alta e sguardo fiero seguo solo il mio pensiero

quando intorno tutto tace io ritrovo la mia pace

addestrare, assoggettare religioni per dominare

i cervelli addormentati di uomini manipolati

mai a mani giunte, mai verso la mecca

mai la kippah in testa, mai.

Non credo al rabbi, non credo al papa

né all'imam o al dalai lama, non alla sura, non alla bibbia

o alla torah nemmeno al dharma

testa alta e sguardo fiero seguo solo il mio pensiero

quando intorno tutto tace io ritrovo

la mia pace, addestrare, assoggettare

religioni per dominare

i cervelli addormentati

di uomini

manipolati.

 

5 - FRANCESCA

la città porta la storia dei secoli passati

la storia la disegnano le statue, ma la storia passata non passò

la storia la raccontano nei libri, la storia la porta la città

ma la storia passata non passò

una donna andava per i boschi, sei una strega diceva la città

una donna parlava con la luna, sei una strega mormorava la città

una donna studiava astri e cieli, una donna prega l’acqua ed il fuoco

una donna prega in versi non in chiesa, una strega la chiamava la città

era sempre notte, tutte insieme stavamo noi nascoste

i padri sono troppi , le madri non ci sono più

Francesca ti ricordi, ci chiamano le streghe siamo figlie

dell’acqua e del calore, torneremo sopra i campi,

torneremo per creare da oggi è il mondo nuovo

che sta per cominciare.

 

6 - I GIUDICI VOSTRI (da Inno anarchico di G. Pascoli)

Aspetta un bel giorno che presto verrà

un giorno del quale sii l'alba, o vendetta!

Un giorno il cui sole sii tu, libertà!

Soffriam! Ché il delitto non regna in eterno!

L'errore durare non può!

Le catene si spezzano alfine

allor che pugnali, né piaccia foggiar;

la mano sul cuore

lo sguardo nuotante,

la mano sul cuore nell'alba che appare!

Un rosso vessillo fiammeggia,

e in mezzo una scritta vi luccica nera;

le dolci fanciulle che avete stuprato,

i bimbi che invano vi chiesero il pane,

nel giorno dell'ira, nel giorno del fato,

i giudici vostri, borghesi, saran.

Nel giorno dell'ira, nel giorno del fato,

i giudici vostri, borghesi, saran.